loading

news

Sono diversi gli articoli che si trovano in rete che consigliano ai più giovani come insegnare a genitori e nonni ad approcciarsi alla rete. Al primo posto troviamo sempre la pazienza, primo elemento fondamentale per cominciare tale attività. Molte cose che i millennial danno per scontato non lo sono per i baby boomers. 

Installare Whatsapp è un’operazione banale per chi è abituato a compilare form d’iscrizione, così come impostare l’immagine del profilo di se stessi e non dei nipoti o veicolare concetti semplici con le emoji senza intasare la chat con sequenze di simboli senza senso. 

Oltre alla scocciatura per i più giovani, ci sono diversi elementi interessanti che scaturiscono da questa tendenza. In primis la generazione degli over 50 dimostra interesse nelle nuove tecnologie ed è consapevole del loro potenziale. Non appena cominciano ad avere padronanza del mezzo sono i primi a trarne vantaggio, riuscendo a importunare i figli a qualunque ora e proprio dove i millennials si trovano: sui Social.

Scherzi a parte, questa fascia d’età è particolarmente interessata ai meccanismi della rete dalla fruizione di notizie all’e-commerce e i webmarketer lo sanno. I baby boomer sono inoltre uno dei target più redditizi perché hanno stabilità economica e tempo da dedicare agli acquisti online. 
Da una ricerca Nielsen è stato riscontrato che gli over 50 acquistano anche prodotti particolarmente costosi, da gioielli a prodotti hitech. Ecco perché Insegnare a genitori e nonni come utilizzare i servizi offerti dalla rete è un vantaggio per tutti: dove pensate che acquisteranno il vostro prossimo regalo di Natale? 

Per maggiori info clicca qui