Warning: include(load.php): failed to open stream: No such file or directory in /news_dett.php on line 192 Warning: include(load.php): failed to open stream: No such file or directory in /news_dett.php on line 192 Warning: include(): Failed opening 'load.php' for inclusion (include_path='.:/usr/share/php:/usr/share/pear') in /news_dett.php on line 192

Come sopravvivere alle invenzioni inutili.

Quante volte avete pensato che esistono app mobile per smartphone e tablet per fare qualunque cosa tranne il caffè? Bene, ora c’è un’app che attraverso il calore della batteria ed apposita cover, fa anche il caffè. Per ora questo è solo il progetto di una startup lanciata da due giovani italiani. La domanda che ci poniamo ora è: è davvero necessario? 

La tecnologia ci facilita la vita, con un’app accendiamo e spegniamo gli elettrodomestici, innaffiamo le piante, controlliamo le scadenze dei prodotti che abbiamo in frigorifero ecc. Per non parlare dell’intelligenza artificiale che ci supporta quando sbagliamo strada, cerchiamo un ristorante o una meta turistica. 
Tutto questo è sicuramente una grande rivoluzione se si pensa che tutte le attività che deleghiamo ai nostri dispositivi elettronici, sono anche quelle di cui noi non dobbiamo più preoccuparci. 

C’è un dispositivo hi-tech che sembrava dover rivoluzionare il mondo dell’elettrodomestico e invece si è rivelato un flop: Juicero, lo spremifrutta assolutamente inutile. Il “frullatore” di fatto spreme delle bustine che contengono frutta già tagliata e frullata, attività che si può tranquillamente realizzare a mano. La macchina, per un costo di 699 dollari, si è rivelata essere totalmente inutile in quanto si possono tranquillamente acquistare i sacchetti con dentro la frutta, aprirli e schiacciarli con e mani direttamente dentro al bicchiere senza dover utilizzare la costosa pressa. 

Sono tantissime le invenzioni inutili che si possono citare e che ogni volta ci fanno pensare se siano davvero necessarie. La voglia di creare cose nuove, a volte, distoglie l’attenzione dalla reale necessità. Abbiamo bisogno della forchetta che ruota automatcamente per arrotolare gli spaghetti? Degli ombrelli da scarpe? Della macchina da scrivere che si collega al tablet? Probabilmente no.
Affidarsi a dei professionisti in grado di studiare le reali necessità del pubblico e del cliente è il primo passo per far si che la tecnologia sia una delle leve dell’innovazione.

Dettagli News

Data

10-05-2017

Contattaci