Warning: include(load.php): failed to open stream: No such file or directory in /news_dett.php on line 192 Warning: include(load.php): failed to open stream: No such file or directory in /news_dett.php on line 192 Warning: include(): Failed opening 'load.php' for inclusion (include_path='.:/usr/share/php:/usr/share/pear') in /news_dett.php on line 192

E-Commerce, le best practice.

Wolfgang Digital ha diffuso uno studio sull’E-Commerce Benchmark KPI del 2017 su un campione fino ad ora mai raggiunto: 143 milioni di sessioni di siti web.

Grazie a questo studio sono stati rilevati alcuni punti importanti che possono aiutare a valutare le prestazioni della propria attività online e a capire quali metriche osservare per raggiungere il successo nel commercio online

Uno degli aspetti più interessanti rilevati da Wolfgang Digital riguarda la piattaforma di Google. Le persone si fidano di Big G: quando un sito web appare su Google raggiunge tassi di conversione più elevati da parte dei consumatori. 

Un altro punto interessante è il rapporto tra Mobile e desktop: il Mobile guadagna sempre più utenti, ma il desktop è ancora quello che fattura maggiormente. Il 2017 è il primo anno in cui il Mobile (52%) rivendica più sessioni rispetto al desktop (36%) e al tablet (12%) messi insieme. Il desktop, tuttavia, genera il 61% di tutti i ricavi online, con una più alta probabilità di convertire: il 164% in più di quelli che navigano sul cellulare. Inoltre, quando gli utenti sul desktop convertono, spendono in media il 20% in più rispetto agli acquirenti sul Mobile. Questo rappresenta un fenomeno interessante e cioè che le persone tendono ad approcciarsi ai prodotti attraverso i dispositivi mobili, ma per completare l’acquisto preferiscono le piattaforme desktop. 

Ciò che è emerso è anche che chi acquista su un E-Commerce e torna nuovamente, si trasforma facilmente in un cliente affezionato. Il tasso di conversione ha quindi una correlazione positiva con il traffico di ritorno. Questo si traduce nell’importanza di un costumer care attento e continuativo.

La velocità media di caricamento delle pagine del sito è un altro fattore che influenza la possibilità che un utente raggiunga la conversione. I 2 secondi raccomandati possono essere superati fino ad un massimo di 6 secondi, ma in generale c’è una correlazione inversa tra il tempo medio di caricamento e la crescita dei ricavi. Riducendo il tempo di caricamento medio di 1,6 secondi si aumenterebbe la crescita annua dei ricavi del 10%.

I fattori da non sottovalutare sono tantissimi e chi si approccia al commercio online può rivolgersi ad un team di professionisti del settore per far si che si tenga conto di ogni KPI.

Dettagli News

Data

07-11-2017

Contattaci