loading


Google parla con le app, ora anche in italiano.

Dal 19 marzo Actions on Google, la piattaforma che permette agli sviluppatori di terze parti di creare applicazioni specifiche per l’Assistente Google, è presente anche in italiano.

Ma partiamo dal principio, di cosa si tratta?
Google Assistant è l’assistente virtuale dei dispositivi Android che si avvia alla parola d’ordine “Ok Google”, ma questa non è una novità. Anzi, pensiamo a quanto il motore di ricerca si sia evoluto proprio per tenere conto dei comandi vocali e non più alle parole chiave digitate sulla tastiera, su questo tema trovate un approfondimento qui

L’Assistente di Google si è evoluto in Actions on Google che finora non era particolarmente conosciuto ai più poiché non disponibile in lingua italiana, cosa che ora invece c’è! 

Ma veniamo al dunque: cos’è Actions on Google

Actions on Google permette agli sviluppatori di terze parti di creare applicazioni specifiche per l’Assistente Google semplicemente appoggiandosi alle tecnologie all’avanguardia di Google nell’elaborazione del linguaggio naturale. È possibile così sviluppare app che conversino con l’Assistente Google. Per farla breve Google dà la possibilità di compiere ricerche vocali anche all’interno delle app che possediamo sul nostro smartphone. 

Anche in Italia quindi saranno disponibili le prime app create appositamente per l’Assistente Google su telefoni Android e iPhone: attraverso la sezione Esplora gli utenti potranno utilizzare l’Assistente Google per interagire con i servizi che amano di più. Per attivare le App basterà fare la domanda all’Assistente Google: “Ok Google, chiedi a Musement i biglietti per il Louvre” oppure “Ok Google, mostrami le ultime notizie di sport da Corriere della Sera”.

Sarà sempre più importante possedere app mobile sul proprio smartphone e così facendo sarà sempre più facile e veloce trovare ciò che cerchiamo. “Grazie Google”.

Dettagli News

Data

27-03-2018

Contattaci

Ho letto e accettato l'informativa sulla privacy