loading


L'App Store di Apple compie 10 anni

Lo scorso 10 luglio l’App Store di Apple ha compiuto 10 anni. 

L’App Store è una delle invenzioni che più hanno contribuito a modificare abitudini e comportamenti di decine di milioni di persone, dando vita nel contempo a un nuova fetta di economia globale che nel 2018 potrebbe superare per giro d’affari quella dell’industria cinematografica.

Sono 2,2 milioni le app presenti sullo store. Dal suo lancio ad oggi i download totali sono stati 170 miliardi e gli utenti hanno speso 130 miliardi di dollari in app dal 2010 ad oggi.

Nel 2017 gli utenti hanno effettuato 30,5 miliardi di download dall’App store e hanno speso 42,4 miliardi di dollari in App, secondo i dati forniti da App Annie, e vale il 30% dei download mondiali di App. Il confronto con Google Play vede quest'ultimo primeggiare per download che registra il 70% del totale. Dal punto di vista del fatturato però è nuovamente Apple in testa con più del doppio rispetto all'avversario Google. 

Le previsioni di App Annie dicono che nel 2022 la spesa annuale degli utenti sul market delle App Apple sarà di 75,7 miliardi di dollari facendo segnare un +80%.

Tra le app più scaricate al mondo dall'App Store di Apple al primo posto si piazza Facebook, con 29,4 milioni di download. In seconda posizione troviamo l'app dello stesso colosso Facebook Messenger; mentre in terza posizione si piazza YouTube, la prima app in classifica del gruppo Google. Per poco fuori dal podio altre due App del gruppo fondato da Zuckerberg che ben conosciamo: Instagram e WhatsApp. In sesta posizione nuovamente un'applicazione del gruppo di Big G: Google Maps. 

Negli ultimi dieci anni, l’App Store ha creato un luogo in cui trovare l’applicazione ideale praticamente per ogni cosa che facciamo e ha dato vita ad una nuova economia fatta di software offrendo agli sviluppatori di tutto il mondo una nuova occasione e un palcoscenico mondiale in cui poter mostrare la propria creatività.

Dettagli News

Data

16-07-2018

Contattaci

Ho letto e accettato l'informativa sulla privacy