loading


Le migliori invenzioni del 2018

Il Time ha scelto 50 diverse invenzioni presentate nel 2018 che potrebbero avere un impatto evidente nel prossimo futuro. Rispetto alle innovazioni scelte nel 2017, quelle del 2018 sono il doppio. L’anno scorso infatti il settimanale ne scelse 25 e noi delle 50 di quest'anno ne abbiamo selezionate 5, le più tecnologiche. 

Aira
È un servizio in abbonamento che permette alle persone cieche o ipovedenti di ricevere continuamente informazioni riguardo l’ambiente circostante. Aira trasmette in live-streaming, 24 ore al giorno e 7 giorni a settimana, le immagini che le circondano e una serie di operatori, grazie a queste informazioni, forniscono indicazioni utili su come compiere azioni o muoversi nello spazio. Pensiamo ad esempio a raggiungere un oggetto lontano, riordinare la posta, trovare il proprio posto a sedere in un teatro ecc.

Zozosuit
Ormai online acquistiamo qualunque cosa, ma c’è una categoria merceologica che, fino ad ora, non potevamo comprare: abiti su misura. Zozosuit è un completo aderente di leggings e maglietta a maniche lunghe che serve per prendere misure molto precise del corpo di chi lo indossa grazie a un’app. Al momento queste misure sono utilizzabili solo sul sito della startup giapponese Zozo che offre capi basici dalla vestibilità perfetta.

FreshWorks
È possibile migliorare anche i contenitori di frutta e verdura con la tecnologia. Grazie ad un filtro presente nel coperchio che regola lo scambio di ossigeno e anidride carbonica con l’esterno in modo che sia sempre ottimale, la serie di contenitori FreshWorks permette di conservare i prodotti freschi più a lungo. Ridurre gli sprechi è il principale obiettivo dell’azienda produttrice.

LynQ
Concerti, manifestazioni, eventi con migliaia di persone: in queste occasioni può succedere di perdersi tra la folla in un’area in cui, proprio per la grande quantità di persone, non c’è segnale telefonico né connessione internet. Per rispondere a questa esigenza nasce LynQ, un dispositivo che non necessita di smartphone, app, wi-fi, maps o abbonamenti particolari, ma riesce a indicare con precisione la posizione anche di 12 persone nel raggio di 5 chilometri all’aperto.

Sonos Beam
L’ultimo altoparlante realizzato dalla casa californiana Sonos incorpora le funzioni di uno smart speaker. Si attiva tramite comandi vocali attraverso i quali è possibile interagire con la smart tv, ma anche riprodurre musica, alzare e abbassare il volume. Oltre ai diffusori, dietro la griglia di Sonos Beam ci sono cinque microfoni che l’altoparlante utilizza sia per rilevare accuratamente il parlato dell’utente ovunque si trovi nella stanza, che per ridurre gli effetti di eco nella riproduzione.

Dettagli News

Data

05-12-2018

Contattaci

Ho letto e accettato l'informativa sulla privacy