Cambia il concetto di intranet aziendale

Il concetto attuale di intranet è molto cambiato rispetto agli anni passati, e se ne sono accorti anche da facebook, infatti quello che tutti conoscono come il social network per eccellenza si è ora dedicato anche al mondo del business, proponendo la propria versione della intranet aziendale ovvero Facebook at Work.La prima azienda importante a testare questo nuovo strumento è la Royal Bank of Scotland con i suoi 100.000 dipendenti, i quali si troveranno di fronte uno strumento molto diffuso ed utilizzato come facebook, ma con le potenzialità business. Ogni azienda potrà strutturarsi la propria rete sociale interna, chiusa e riservata, in modo che i dipendenti possano comunicare tra di loro rapidamente, scambiarsi documenti, creare gruppi di lavoro in modo facile e veloce, agendo in un ambiente protetto. Il profilo business sarà ovviamente nuovo e staccato da quello personale.

Il concetto attuale di intranet è molto cambiato rispetto agli anni passati, e se ne sono accorti anche da facebook, infatti quello che tutti conoscono come il social network per eccellenza si è ora dedicato anche al mondo del business, proponendo la propria versione della intranet aziendale ovvero Facebook at Work.

La prima azienda importante a testare questo nuovo strumento è la Royal Bank of Scotland con i suoi 100.000 dipendenti, i quali si troveranno di fronte uno strumento molto diffuso ed utilizzato come facebook, ma con le potenzialità business. Ogni azienda potrà strutturarsi la propria rete sociale interna, chiusa e riservata, in modo che i dipendenti possano comunicare tra di loro rapidamente, scambiarsi documenti, creare gruppi di lavoro in modo facile e veloce, agendo in un ambiente protetto. Il profilo business sarà ovviamente nuovo e staccato da quello personale.

Ultime news

19/07/2022
Linee guida per l’accessibilità.

Quando si lavora allo sviluppo o al rifacimento di un sito o di un’app, è bene ricordarsi dell'importanza dell'accessibilità: bisogna chiedersi se lo strumento digitale sarà facilmente fruibile da tutte le persone, a prescindere dalle loro capacità fisiche e cognitive e adottare così una serie di accorgimenti.Ecco alcuni punti da dove si può partire per iniziare a riflettere su ciò che si può implementare per rispondere alle esigenze del tuo target:Sviluppare un sito responsive per adattarsi automaticamente a diversi dispositivi Fornire descrizioni per ogni sezione del sito o app per un accesso semplice e veloce ai contenutiUsare i font e colori giusti per non far affaticare gli occhi durante la navigazione ed eliminare tutto ciò che può recare danno alla vistaInserire il testo alternativo nelle immaginiSono diverse le tecniche che si possono adottare; anche il team Google ne ha parlato recentemente in uno dei suoi ultimi articoli, dove ha discusso con quattro brand su come concepiscono l'accessibilità e l'inclusività della disabilità e come le realizzano in pratica. Dalla discussione sono emersi alcuni aspetti da tenere a mente, ovvero:Assegnare la giusta importanza all'accessibilità all’interno dell’aziendaCoinvolgere nel progetto di sviluppo i dipendenti con disabilità e i clienti che hanno esigenze di accessibilitàTenere a mente che la creazione di esperienze utente più accessibili non avrà mai fine, la cosa più importante è iniziare