Chattare con i clienti, è il momento di farlo

Negli ultimi mesi, abbiamo visto cambiare le interazioni nel luogo di lavoro a un ritmo che nessuno di noi avrebbe mai immaginato, e di conseguanza anche il rapporto con la tecnologia.Il passaggio dei consumatori ai canali digitali non è nulla di nuovo: abbiamo visto un boom dell'e-commerce già alla fine degli anni ‘90. La novità, invece, è l'aumento del ritmo con cui i consumatori stanno passando al digitale e il numero di opzioni che hanno a disposizione per comunicare sui vari canali, dispositivi e piattaforme. Stiamo attraversando un periodo di grande cambiamento per le aziende, in cui i consumatori abbandonano vecchie abitudini per acquisirne di nuove.Una ricerca ha messo in luce che la chat e la messaggistica stanno crescendo in popolarità, soprattutto tra le generazioni più giovani. I consumatori vogliono che il loro canale preferito sia rapido (è il fattore più importante riguardo alle loro interazioni con le aziende) e utilizzano sempre più spesso la chat perché la ritengono più comoda. Di fatto, i consumatori decidono da chi acquistare in base ai canali di comunicazione dei brand. Addirittura il 68% degli intervistati afferma che, potendo scegliere da chi comprare, è più propenso a farlo da un'azienda con cui è facile comunicare.Le aziende stanno incrementando gli investimenti in tecnologie per la comunicazione. Concretamente, il 60% prevede un aumento del budget durante quest'anno. Ciò che faranno con questi budget aggiuntivi è di importanza vitale per le aziende e, anche se al momento la chat è una tecnologia emergente, investire in questo canale può convertirsi in un vantaggio competitivo.La chat è destinata a diventare una parte importante dell'assistenza clienti, in grado di fornire a questi ultimi un'ulteriore opzione di scelta, la comodità di comunicare quando vogliono e l'accesso continuo a una registrazione della conversazione.

Negli ultimi mesi, abbiamo visto cambiare le interazioni nel luogo di lavoro a un ritmo che nessuno di noi avrebbe mai immaginato, e di conseguanza anche il rapporto con la tecnologia.

Il passaggio dei consumatori ai canali digitali non è nulla di nuovo: abbiamo visto un boom dell'e-commerce già alla fine degli anni ‘90. La novità, invece, è l'aumento del ritmo con cui i consumatori stanno passando al digitale e il numero di opzioni che hanno a disposizione per comunicare sui vari canali, dispositivi e piattaforme. Stiamo attraversando un periodo di grande cambiamento per le aziende, in cui i consumatori abbandonano vecchie abitudini per acquisirne di nuove.

Una ricerca ha messo in luce che la chat e la messaggistica stanno crescendo in popolarità, soprattutto tra le generazioni più giovani. I consumatori vogliono che il loro canale preferito sia rapido (è il fattore più importante riguardo alle loro interazioni con le aziende) e utilizzano sempre più spesso la chat perché la ritengono più comoda. Di fatto, i consumatori decidono da chi acquistare in base ai canali di comunicazione dei brand. Addirittura il 68% degli intervistati afferma che, potendo scegliere da chi comprare, è più propenso a farlo da un'azienda con cui è facile comunicare.

Le aziende stanno incrementando gli investimenti in tecnologie per la comunicazione. Concretamente, il 60% prevede un aumento del budget durante quest'anno. Ciò che faranno con questi budget aggiuntivi è di importanza vitale per le aziende e, anche se al momento la chat è una tecnologia emergente, investire in questo canale può convertirsi in un vantaggio competitivo.

La chat è destinata a diventare una parte importante dell'assistenza clienti, in grado di fornire a questi ultimi un'ulteriore opzione di scelta, la comodità di comunicare quando vogliono e l'accesso continuo a una registrazione della conversazione.

Ultime news

05/07/2022
Consigli per un e-commerce di successo.

Il numero di consumatori che decide di acquistare online è in costante crescita: ormai i consumatori si sentono a loro agio a usare Internet per fare acquisti, la fiducia verso il digitale è aumentata, perciò curare ogni aspetto del proprio sito e-commerce è importante per crearsi una forte presenza online e favorire il buon andamento delle vendite.Ecco perché vanno tenute a mente queste best practices per aumentare le conversioni del proprio e-commerce:Comprendere i clienti e personalizzare la loro esperienza, attraverso l’analisi della buyer personasCreare un’interfaccia utente semplificata per consentire agli utenti di passare facilmente da un prodotto all’altroOttimizzare il sito per i dispositivi mobile dato che la tendenza ad acquistare attraverso essi è in aumentoUsare immagini accattivanti e video dimostrativi del prodotto per coinvolgere gli utentiAggiungere la barra di ricerca per consentire agli utenti di filtrare le ricerche in base alle loro preferenzeAbilitare la visualizzazione dei “prodotti visti di recente” in modo che si possano dare anche consigli sui prodotti da acquistare simili o correlati ad essiOffrire opzioni come spedizione gratuita per acquisti superiori ad un importo specifico e/o campioni di prodotti gratuiti per presentare la gamma di prodotti e per attirare i clienti su un determinato prodottoCurare il check-out dell’e-commerce per migliorare il tasso di conversione ed evitare l’abbandono dei carrelliCreare programmi fedeltà per motivare le persone a registrarsi al sito e diventare clienti abitualiCreare una pagina FAQ per rispondere ai dubbi dei clienti riguardo le politiche di spedizione e resoFornire un servizio clienti disponibile via telefono, email e chat dal vivoAbilitare le recensioni dei clienti, in modo che possano valutare i prodotti e invogliare altri ad acquistare dall'e-commerceDare priorità alla SEO per raggiungere la vetta delle classifiche di Google in base alle ricerche relative ai prodotti venduti sull'e-commerce