effettua una ricerca

NEWS

Google Search e i risultati precari

Se faremo una ricerca su Google, a breve, saremo in grado di sapere se i risultati saranno ancora troppo incerti e provvisori, regolandoci di conseguenza senza credere ciecamente in ciò che leggeremo.Grazie ad algoritmi complessi e nuove funzionalità, Google riuscira ad intercettare i temi in rapida trasformazione e ancora poco referenziati.Sicuramente un piccolo passo per cercare di arginare il problema delle bufale on-line, ma certamente apprezzabile e Google ci avviserà con un messaggio tipo: "Sembra che i risultati stiano cambiando rapidamente. Se il tema è nuovo, a volte potrebbe essere necessario un po’ di tempo perché informazioni da fonti affidabili vengano aggiunte".Le nuove notifiche sui risultati “provvisori” inizieranno a comparire nelle Serp di Google in inglese, per poi allargarsi anche ad altre lingue. Inoltre l’azienda ha già annunciato il debutto di ulteriori funzionalità di questo tipo nei prossimi mesi. 

Se faremo una ricerca su Google, a breve, saremo in grado di sapere se i risultati saranno ancora troppo incerti e provvisori, regolandoci di conseguenza senza credere ciecamente in ciò che leggeremo.

Grazie ad algoritmi complessi e nuove funzionalità, Google riuscira ad intercettare i temi in rapida trasformazione e ancora poco referenziati.

Sicuramente un piccolo passo per cercare di arginare il problema delle bufale on-line, ma certamente apprezzabile e Google ci avviserà con un messaggio tipo: "Sembra che i risultati stiano cambiando rapidamente. Se il tema è nuovo, a volte potrebbe essere necessario un po’ di tempo perché informazioni da fonti affidabili vengano aggiunte".

Le nuove notifiche sui risultati “provvisori” inizieranno a comparire nelle Serp di Google in inglese, per poi allargarsi anche ad altre lingue. Inoltre l’azienda ha già annunciato il debutto di ulteriori funzionalità di questo tipo nei prossimi mesi.

 

Ultime news

25/11/2021
Errori SEO da evitare

Quando si parla di SEO, lo si deve fare cercando di essere il più sinceri possibile e spiegando sempre che la maggior parte delle cose che si dicono/fanno, sono delle interpretazioni dell'esperienza, perché nessuno in realtà può sapere esattamente come funziona Google, e soprattutto per quanto tempo una regola può continuare ad essere valida.Esistono comunque una serie di errori che possono compromettere il posizionamento:Parola chiave ripetuta troppo di frequente - eccedere nell’uso di parole chiave, oltre a peggiorare il ranking del sito, rende anche noiosa ed innaturale la lettura del testo, peggiorando l’esperienza dell’utenteMetatag gestiti in maniera errata - i principali sono Title e Description, che non si devono ripetere nelle pagine, non essere troppo lunghi e soprattutto devono essere sempre presentiLink ben strutturati - le pagine collegate tra di loro all'interno del nostro sito devono sempre essere attiveContenuti copiati - copiare i testi da altri siti, espone potenzialmente ad una penalizzazione da parte del motore di ricercaContenuti scritti male - i testi devono sempre essere interessanti e rilevanti per chi ci immaginiamo sia l'utente finale del nostro sito, altrimenti non si otterrà traffico pertinente alle nostre aspettativeUrl delle pagine non parlante - l'indirizzo delle pagine deve essere i più possibile in linea con il contenuto della paginaNon generare sitemap - dare in pasto al motore di ricerca una sitemap, significa indicare la strada ai bot per eseguire la scansione del sito, ovvero facilitare la lettura dei contenuti più importanti per noi.