I data center usati per il riscaldamento delle abitazioni

Come sapranno tutti coloro che sono sensibili alle problematiche dell’ambiente, la splendida capitale finlandese Helsinki è una delle città più verdi d’Europa: brilla soprattutto per lo scarsissimo livello di inquinamento, per un sistema di raccolta differenziata perfettamente organizzata e funzionante e per una conservazione della natura ottimale. Come molte altre città europee, Helsinki utilizza già un sistema di teleriscaldamento per l’acqua delle case, in modo tale che gli abitanti di questo splendido Paese sentano di meno gli inverni rigidissimi che riescono ad far arrivare la temperatura anche a -30°. Nella capitale è stato recentemente sperimentato un nuovo sistema, che si avvale di speciali metodi di recupero dell’energia prodotta dal calore in eccesso dei data center, le sale server. Con l’avvento del “cloud computing”, è sempre maggiore il calore generato dai computer che conseguentemente hanno bisogno di sofisticati sistemi di raffreddamento. Per questo Helsinki proverà a riutilizzare il calore prodotto dai data center per riscaldare le abitazioni. A partire da aprile, partirà una sperimentazione che vedrà convogliare il calore in eccesso prodotto dal data center chiamato Academica, posto sotto la città, verso le abitazioni soprastanti. Un bel modo per non sprecare proprio nulla.

Come sapranno tutti coloro che sono sensibili alle problematiche dell’ambiente, la splendida capitale finlandese Helsinki è una delle città più verdi d’Europa: brilla soprattutto per lo scarsissimo livello di inquinamento, per un sistema di raccolta differenziata perfettamente organizzata e funzionante e per una conservazione della natura ottimale. Come molte altre città europee, Helsinki utilizza già un sistema di teleriscaldamento per l’acqua delle case, in modo tale che gli abitanti di questo splendido Paese sentano di meno gli inverni rigidissimi che riescono ad far arrivare la temperatura anche a -30°. Nella capitale è stato recentemente sperimentato un nuovo sistema, che si avvale di speciali metodi di recupero dell’energia prodotta dal calore in eccesso dei data center, le sale server. Con l’avvento del “cloud computing”, è sempre maggiore il calore generato dai computer che conseguentemente hanno bisogno di sofisticati sistemi di raffreddamento. Per questo Helsinki proverà a riutilizzare il calore prodotto dai data center per riscaldare le abitazioni. A partire da aprile, partirà una sperimentazione che vedrà convogliare il calore in eccesso prodotto dal data center chiamato Academica, posto sotto la città, verso le abitazioni soprastanti. Un bel modo per non sprecare proprio nulla.

Ultime news

19/07/2022
Linee guida per l’accessibilità.

Quando si lavora allo sviluppo o al rifacimento di un sito o di un’app, è bene ricordarsi dell'importanza dell'accessibilità: bisogna chiedersi se lo strumento digitale sarà facilmente fruibile da tutte le persone, a prescindere dalle loro capacità fisiche e cognitive e adottare così una serie di accorgimenti.Ecco alcuni punti da dove si può partire per iniziare a riflettere su ciò che si può implementare per rispondere alle esigenze del tuo target:Sviluppare un sito responsive per adattarsi automaticamente a diversi dispositivi Fornire descrizioni per ogni sezione del sito o app per un accesso semplice e veloce ai contenutiUsare i font e colori giusti per non far affaticare gli occhi durante la navigazione ed eliminare tutto ciò che può recare danno alla vistaInserire il testo alternativo nelle immaginiSono diverse le tecniche che si possono adottare; anche il team Google ne ha parlato recentemente in uno dei suoi ultimi articoli, dove ha discusso con quattro brand su come concepiscono l'accessibilità e l'inclusività della disabilità e come le realizzano in pratica. Dalla discussione sono emersi alcuni aspetti da tenere a mente, ovvero:Assegnare la giusta importanza all'accessibilità all’interno dell’aziendaCoinvolgere nel progetto di sviluppo i dipendenti con disabilità e i clienti che hanno esigenze di accessibilitàTenere a mente che la creazione di esperienze utente più accessibili non avrà mai fine, la cosa più importante è iniziare