Il mercato dei social network in Italia e nel resto d'Europa

Una ricerca fatta da eMarketer, risulta chiaro che le ragazzo sono la fonte maggiore di utilizzatrici social. L'italia è il quarto mercato europeo dei social network grazie a donne e giovani.Secondo l’Istituto nazionale di statistica (Istat), la partecipazione nei social network è la più alta fra le giovani donne nella fascia d’età compresa fra 18 e 19 anni.In questa piccola fetta di popolazione online, il 90.0% degli intervistati sono iscritti e partecipano a social network non professionali.Invece, i social network professionali come LinkedIn attirano soprattutto utenti più grandi d’età: il 17.2% delle donne e il 19.4% degli uomini, entrambi fra 25 e 34 anni, frequenta siti come LinkedIn e Xing. Nel complesso, solo il 13.4% degli uomini e il 10.5% delle donne usa un social network professionale, mentre il 57.5% delle donne e il 54.9% degli uomini è attivo su un social network personale.eMarketer stima che l’audience mensile dei siti di social networking in Italia raggiungerà quota 23.3 milioni nel 2016, contro i 22.5 milioni nel 2015

Una ricerca fatta da eMarketer, risulta chiaro che le ragazzo sono la fonte maggiore di utilizzatrici social. L'italia è il quarto mercato europeo dei social network grazie a donne e giovani.

Secondo l’Istituto nazionale di statistica (Istat), la partecipazione nei social network è la più alta fra le giovani donne nella fascia d’età compresa fra 18 e 19 anni.

In questa piccola fetta di popolazione online, il 90.0% degli intervistati sono iscritti e partecipano a social network non professionali.

Invece, i social network professionali come LinkedIn attirano soprattutto utenti più grandi d’età: il 17.2% delle donne e il 19.4% degli uomini, entrambi fra 25 e 34 anni, frequenta siti come LinkedIn e Xing. Nel complesso, solo il 13.4% degli uomini e il 10.5% delle donne usa un social network professionale, mentre il 57.5% delle donne e il 54.9% degli uomini è attivo su un social network personale.

eMarketer stima che l’audience mensile dei siti di social networking in Italia raggiungerà quota 23.3 milioni nel 2016, contro i 22.5 milioni nel 2015

Ultime news

19/07/2022
Linee guida per l’accessibilità.

Quando si lavora allo sviluppo o al rifacimento di un sito o di un’app, è bene ricordarsi dell'importanza dell'accessibilità: bisogna chiedersi se lo strumento digitale sarà facilmente fruibile da tutte le persone, a prescindere dalle loro capacità fisiche e cognitive e adottare così una serie di accorgimenti.Ecco alcuni punti da dove si può partire per iniziare a riflettere su ciò che si può implementare per rispondere alle esigenze del tuo target:Sviluppare un sito responsive per adattarsi automaticamente a diversi dispositivi Fornire descrizioni per ogni sezione del sito o app per un accesso semplice e veloce ai contenutiUsare i font e colori giusti per non far affaticare gli occhi durante la navigazione ed eliminare tutto ciò che può recare danno alla vistaInserire il testo alternativo nelle immaginiSono diverse le tecniche che si possono adottare; anche il team Google ne ha parlato recentemente in uno dei suoi ultimi articoli, dove ha discusso con quattro brand su come concepiscono l'accessibilità e l'inclusività della disabilità e come le realizzano in pratica. Dalla discussione sono emersi alcuni aspetti da tenere a mente, ovvero:Assegnare la giusta importanza all'accessibilità all’interno dell’aziendaCoinvolgere nel progetto di sviluppo i dipendenti con disabilità e i clienti che hanno esigenze di accessibilitàTenere a mente che la creazione di esperienze utente più accessibili non avrà mai fine, la cosa più importante è iniziare