smart web application

Tre termini che racchiudono tutto quello che le aziende desiderano, ovvero qualcosa di rapido e applicabile al mondo di internet (sotto forma di sito, portale, intranet, app, applicazione, ...).L'acronimo SMART è utilizzato per ricordare le caratteristiche di un obiettivo ben definito.WEB - Introduzione al World Wide Web. Viene detto «web» (nome inglese che significa «rete»)APPLICATION o applicazione, può invece avere differenti significati, come per esempio:- APP è un’abbreviazione del termine applicazione, usata per descrivere la logica e gli algoritmi di un programma software scritto per fornire servizi e strumenti utili a risolvere problemi e ad assolvere a funzioni specifiche. A livello cognitivo oggi il termine APP è sempre più riferito alle applicazioni Mobile. La parola Applicazione usata per esteso continua invece a mantenere il suo significato originario. Il termine APP semanticamente associato al Mobile è solitamente determinato da aggettivi: Web APP, Killer APP, APP native, APP ibride, ecc.Applicazione Web (Web APP): le applicazioni Web sono applicazioni che risiedono su un server della rete e vengono utilizzate attraverso una ‘applicazione’, denominata Browser, residente sulla piattaforma client usata dall’utente.  Qualsiasi componente applicativa accessibile e attivabile da browser può essere considerata una applicazione Web. Queste applicazioni usate all’interno di una azienda offrono maggiore standardizzazione e facilità nel gestire ambienti client eterogenei ( fissi e mobile).Applicazioni Native (APP Native): applicazioni sviluppate per una piattaforma specifica. Le APP native sono quelle sviluppate per piattaforme Mobile iOS, Andorid, BlackBerry, Windows 8 con appositi SDK (Software Development Kit) o strumenti proprietari forniti dai produttori. Sono Applicazioni native anche quelle sviluppate su sistemi operativi Unix, mainframe, AS400 ecc. Anche le piattaforme di sistema operativo su cui vengono sviluppate le applicazioni native sono sistemi applicativi nei quali sono integrate logiche applicative e servizi diversi.  Il maggiore vantaggio delle applicazioni native è la loro capacità nel trarre vantaggio delle caratteristiche hardware delle piattaforme su cui vengono sviluppate.Applicazioni Mobili (Mobile APP): Note più comunemente come APP, sono applicazioni sviluppate per dispositivi portatili e Mobile, diversi dai personal computer (laptop, notebook ecc.) come smartphone, phablet, tablet, PDA e telefoni cellulari. Pur cercando di fornire gli stessi servizi delle applicazioni PC, sono solitamente delle entità software più piccole e leggere e con funzioni limitate (giochi, calcolatrice, agenda, ecc.).  Nate per essere usate in modalità ‘standalone’ sono oggi capaci di sfruttare le caratteristiche multitasking dei dispositivi su cui sono installate.  La terminologia APP Mobile è spesso usata anche per indicare applicazioni web che vengono eseguite su un dispositivo mobile.Le applicazioni più semplici sono semplici ri-scritture o migrazioni delle applicazioni PC. Applicazioni più robuste richiedono un nuovo sviluppo  in modo da trarre vantaggio delle caratteristiche tecniche del dispositivo e delle funzionalità specifiche della piattaforme di sistema operativo.Il termine APP è stato reso popolare da Apple con la creazione del suo APP Store di iTunes. Possono essere precaricate sul dispositivo o scaricate attraverso internet da negozi online appositamente attrezzati  e denominati Store (iTunes, Google Play, Microsoft Marketplace, BlackBerry World ecc.)  Ogni produttore dispone di un suo Store proprietario che serve a definire l’ecosistema (Windows Mobile, Android, Symbian, Java ME, iOS, BlackBerry,Ubuntu, Linux, Palm ) di appartenenza delle applicazioni e dei dispositivi sui quali possono essere scaricate e utilizzate.Applicazioni Web Semantiche: terminologia usata per descrivere applicazioni Web che incorporano tecnologie W3C di Web Semantico quali RDF, OWL e altri standard simili.Applicazioni Enterprise: terminologia usata per descrivere applicazioni o programmi software usati da una azienda per assistere la propria organizzazione nello svolgimento di compiti e attività.  Il termine applicazione associato ad enterprise (aziendale) serve anche per indicare una piattaforma software troppo complessa e troppo grande per essere adatta ad un utilizzo personale o in una piccola azienda. Queste applicazioni sono solitamente disegnate per interfacciare ed integrarsi con altre applicazioni aziendali, per essere utilizzate su tipologie di reti diverse ( internet, intranet, reti private aziendali, ecc.) e per garantire elevati standard di scurezza e amministrazione. Queste applicazioni sono spesso sviluppate internamente e gestite da personale IT interno oppure assegnate in outsourcing ad entità esterne. Oggi il ricorso ad application service providers (ASP) o erogazione di sevizi in modalità SaaS e Cloud è pratica sempre più diffusa. (sorgente)

Tre termini che racchiudono tutto quello che le aziende desiderano, ovvero qualcosa di rapido e applicabile al mondo di internet (sotto forma di sito, portale, intranet, app, applicazione, ...).

L'acronimo SMART è utilizzato per ricordare le caratteristiche di un obiettivo ben definito.

WEB - Introduzione al World Wide Web. Viene detto «web» (nome inglese che significa «rete»)

APPLICATION o applicazione, può invece avere differenti significati, come per esempio:

- APP è un’abbreviazione del termine applicazione, usata per descrivere la logica e gli algoritmi di un programma software scritto per fornire servizi e strumenti utili a risolvere problemi e ad assolvere a funzioni specifiche. A livello cognitivo oggi il termine APP è sempre più riferito alle applicazioni Mobile. La parola Applicazione usata per esteso continua invece a mantenere il suo significato originario. Il termine APP semanticamente associato al Mobile è solitamente determinato da aggettivi: Web APP, Killer APP, APP native, APP ibride, ecc.

Applicazione Web (Web APP): le applicazioni Web sono applicazioni che risiedono su un server della rete e vengono utilizzate attraverso una ‘applicazione’, denominata Browser, residente sulla piattaforma client usata dall’utente.  Qualsiasi componente applicativa accessibile e attivabile da browser può essere considerata una applicazione Web. Queste applicazioni usate all’interno di una azienda offrono maggiore standardizzazione e facilità nel gestire ambienti client eterogenei ( fissi e mobile).

Applicazioni Native (APP Native): applicazioni sviluppate per una piattaforma specifica. Le APP native sono quelle sviluppate per piattaforme Mobile iOS, Andorid, BlackBerry, Windows 8 con appositi SDK (Software Development Kit) o strumenti proprietari forniti dai produttori. Sono Applicazioni native anche quelle sviluppate su sistemi operativi Unix, mainframe, AS400 ecc. Anche le piattaforme di sistema operativo su cui vengono sviluppate le applicazioni native sono sistemi applicativi nei quali sono integrate logiche applicative e servizi diversi.  Il maggiore vantaggio delle applicazioni native è la loro capacità nel trarre vantaggio delle caratteristiche hardware delle piattaforme su cui vengono sviluppate.

Applicazioni Mobili (Mobile APP): Note più comunemente come APP, sono applicazioni sviluppate per dispositivi portatili e Mobile, diversi dai personal computer (laptop, notebook ecc.) come smartphone, phablet, tablet, PDA e telefoni cellulari. Pur cercando di fornire gli stessi servizi delle applicazioni PC, sono solitamente delle entità software più piccole e leggere e con funzioni limitate (giochi, calcolatrice, agenda, ecc.).  Nate per essere usate in modalità ‘standalone’ sono oggi capaci di sfruttare le caratteristiche multitasking dei dispositivi su cui sono installate.  La terminologia APP Mobile è spesso usata anche per indicare applicazioni web che vengono eseguite su un dispositivo mobile.

Le applicazioni più semplici sono semplici ri-scritture o migrazioni delle applicazioni PC. Applicazioni più robuste richiedono un nuovo sviluppo  in modo da trarre vantaggio delle caratteristiche tecniche del dispositivo e delle funzionalità specifiche della piattaforme di sistema operativo.

Il termine APP è stato reso popolare da Apple con la creazione del suo APP Store di iTunes. Possono essere precaricate sul dispositivo o scaricate attraverso internet da negozi online appositamente attrezzati  e denominati Store (iTunes, Google Play, Microsoft Marketplace, BlackBerry World ecc.)  Ogni produttore dispone di un suo Store proprietario che serve a definire l’ecosistema (Windows Mobile, Android, Symbian, Java ME, iOS, BlackBerry,Ubuntu, Linux, Palm ) di appartenenza delle applicazioni e dei dispositivi sui quali possono essere scaricate e utilizzate.

Applicazioni Web Semantiche: terminologia usata per descrivere applicazioni Web che incorporano tecnologie W3C di Web Semantico quali RDF, OWL e altri standard simili.

Applicazioni Enterprise: terminologia usata per descrivere applicazioni o programmi software usati da una azienda per assistere la propria organizzazione nello svolgimento di compiti e attività.  Il termine applicazione associato ad enterprise (aziendale) serve anche per indicare una piattaforma software troppo complessa e troppo grande per essere adatta ad un utilizzo personale o in una piccola azienda. Queste applicazioni sono solitamente disegnate per interfacciare ed integrarsi con altre applicazioni aziendali, per essere utilizzate su tipologie di reti diverse ( internet, intranet, reti private aziendali, ecc.) e per garantire elevati standard di scurezza e amministrazione. Queste applicazioni sono spesso sviluppate internamente e gestite da personale IT interno oppure assegnate in outsourcing ad entità esterne. Oggi il ricorso ad application service providers (ASP) o erogazione di sevizi in modalità SaaS e Cloud è pratica sempre più diffusa. (sorgente)

Ultime news

05/07/2022
Consigli per un e-commerce di successo.

Il numero di consumatori che decide di acquistare online è in costante crescita: ormai i consumatori si sentono a loro agio a usare Internet per fare acquisti, la fiducia verso il digitale è aumentata, perciò curare ogni aspetto del proprio sito e-commerce è importante per crearsi una forte presenza online e favorire il buon andamento delle vendite.Ecco perché vanno tenute a mente queste best practices per aumentare le conversioni del proprio e-commerce:Comprendere i clienti e personalizzare la loro esperienza, attraverso l’analisi della buyer personasCreare un’interfaccia utente semplificata per consentire agli utenti di passare facilmente da un prodotto all’altroOttimizzare il sito per i dispositivi mobile dato che la tendenza ad acquistare attraverso essi è in aumentoUsare immagini accattivanti e video dimostrativi del prodotto per coinvolgere gli utentiAggiungere la barra di ricerca per consentire agli utenti di filtrare le ricerche in base alle loro preferenzeAbilitare la visualizzazione dei “prodotti visti di recente” in modo che si possano dare anche consigli sui prodotti da acquistare simili o correlati ad essiOffrire opzioni come spedizione gratuita per acquisti superiori ad un importo specifico e/o campioni di prodotti gratuiti per presentare la gamma di prodotti e per attirare i clienti su un determinato prodottoCurare il check-out dell’e-commerce per migliorare il tasso di conversione ed evitare l’abbandono dei carrelliCreare programmi fedeltà per motivare le persone a registrarsi al sito e diventare clienti abitualiCreare una pagina FAQ per rispondere ai dubbi dei clienti riguardo le politiche di spedizione e resoFornire un servizio clienti disponibile via telefono, email e chat dal vivoAbilitare le recensioni dei clienti, in modo che possano valutare i prodotti e invogliare altri ad acquistare dall'e-commerceDare priorità alla SEO per raggiungere la vetta delle classifiche di Google in base alle ricerche relative ai prodotti venduti sull'e-commerce