Riduzione dei costi e aumento dell’efficienza con il CONDITION MONITORING in ambito industriale

Le aziende del settore industriale prediligono macchinari sempre più automatizzati ed efficienti che necessitano di metodi di manutenzione altrettanto affidabili.Se finora il metodo più diffuso era basato sulla schedulazione preventiva di manutenzioni periodiche (time-based maintenance, TBM), oggi ad esso si affianca un nuovo processo basato sulle condizioni del macchinario: condition-based maintenance (CBM). Questo metodo consiste nel compiere diagnosi sui macchinari in tempo reale, permettendo di prevedere guasti critici con diverse settimane di anticipo e riducendo drasticamente i fermi-macchina.Negli ultimi decenni, la comunità scientifica ha sviluppato nuove tecnologie e metodologie nell’ambito del condition monitoring, in conformità con l'hardware disponibile e adottato dall'industria. Inoltre, il Cloud computing è diventato il simbolo della tecnologia 4.0. Il risultato netto è un'analisi basata sui dati, che si riferisce alla capacità di analizzare grandi set di informazioni raccolte sul Cloud, spesso attraverso l'uso di sistemi esperti. In fase di sviluppo del CMS andrà valutato il caso specifico di ogni impianto, poiché ogni sistema si basa su processi di causa-effetto diversi. Esistono tuttavia livelli macro a cui fare riferimento che possono essere estesi alla maggior parte delle aziende manifatturiere. La manutenzione condition-based è un processo in quattro fasi: Data Acquisition, Data Pre-Processing, Data Cloud Processing e Data Post-Processing.La fase di Data Acquisition prevede l'impostazione dei sensori sul macchinario per acquisire e gestire la registrazione dei dati tramite un’unità centrale. Il campionamento dei dati può essere monitorato sia in modo continuo, che periodicamente secondo intervalli di tempo programmati. I dati acquisiti da ogni macchinario, prima di essere archiviati, vengono pre-processati, per ridurre la quantità di informazioni da inviare alla piattaforma Cloud e la latenza nel processo decisionale. Il Data Pre-Processing permette inoltre di ridurre i costi, poiché quantificati sulla piattaforma Cloud in base al numero dei dati elaborati, per questo aggregarli consente di ridurre le spese. È nella terza fase, durante il Data Cloud Processing, che i dati raccolti vengono archiviati sulla piattaforma Cloud. Le principali funzioni di questo step sono:L’analisi dei dati mediante tecniche di machine learning, grazie ai quali il sistema può essere interrogato di volta in volta su dati specifici. Il trasferimento dei dati offline che non hanno quindi bisogno di ulteriori elaborazioni. In questo caso la piattaforma in Cloud svolge il ruolo di archivio dei diversi dati provenienti dai macchinari. Infine i Data Post-Processing consiste nell’analisi delle informazioni raccolte. Di seguito le 4 finalità principal: Reportistica:  gli output del condition-monitoring vengono suddivisi in differenti report sullo stato dei componenti del sottosistema. Questo avviene per semplificare la consultazione di diverse tipologie di dati dalle varie parti coinvolte (tecnici dell'assistenza, manager, consulenti e fornitori di servizi esterni, ecc.).Supporto decisionale: i report devono poi essere processati da un performance management center, un servizio di supporto strutturato che aggiorna e analizza lo storico dei dati raccolti per fornire una risposta critica all’operato.Analisi Model-based: una volta ricevuto un allarme dalla piattaforma Cloud, è possibile utilizzare strumenti di elaborazione del segnale più avanzati per valutare maggiori dettagli sul guasto.Service: nel caso in cui vengano identificati problemi, un report della situazione può essere inviato automaticamente ai tecnici dell’assistenza. I sistemi basati sul condition-monitoring aumentano produttività e affidabilità. Un servizio attento, in cui il cliente può ottenere pianificazioni ben precise e una costante attività, grazie alla riduzione delle interruzioni impreviste, migliorano anche il rapporto con il cliente.Nel prossimo articolo parleremo degli algoritmi nel condition monitoring

Le aziende del settore industriale prediligono macchinari sempre più automatizzati ed efficienti che necessitano di metodi di manutenzione altrettanto affidabili.

Se finora il metodo più diffuso era basato sulla schedulazione preventiva di manutenzioni periodiche (time-based maintenance, TBM), oggi ad esso si affianca un nuovo processo basato sulle condizioni del macchinario: condition-based maintenance (CBM). Questo metodo consiste nel compiere diagnosi sui macchinari in tempo reale, permettendo di prevedere guasti critici con diverse settimane di anticipo e riducendo drasticamente i fermi-macchina.

Negli ultimi decenni, la comunità scientifica ha sviluppato nuove tecnologie e metodologie nell’ambito del condition monitoring, in conformità con l'hardware disponibile e adottato dall'industria. Inoltre, il Cloud computing è diventato il simbolo della tecnologia 4.0. Il risultato netto è un'analisi basata sui dati, che si riferisce alla capacità di analizzare grandi set di informazioni raccolte sul Cloud, spesso attraverso l'uso di sistemi esperti. 

In fase di sviluppo del CMS andrà valutato il caso specifico di ogni impianto, poiché ogni sistema si basa su processi di causa-effetto diversi. Esistono tuttavia livelli macro a cui fare riferimento che possono essere estesi alla maggior parte delle aziende manifatturiere. 

La manutenzione condition-based è un processo in quattro fasi: Data Acquisition, Data Pre-Processing, Data Cloud Processing e Data Post-Processing.

La fase di Data Acquisition prevede l'impostazione dei sensori sul macchinario per acquisire e gestire la registrazione dei dati tramite un’unità centrale. Il campionamento dei dati può essere monitorato sia in modo continuo, che periodicamente secondo intervalli di tempo programmati. 

I dati acquisiti da ogni macchinario, prima di essere archiviati, vengono pre-processati, per ridurre la quantità di informazioni da inviare alla piattaforma Cloud e la latenza nel processo decisionale. Il Data Pre-Processing permette inoltre di ridurre i costi, poiché quantificati sulla piattaforma Cloud in base al numero dei dati elaborati, per questo aggregarli consente di ridurre le spese. 

È nella terza fase, durante il Data Cloud Processing, che i dati raccolti vengono archiviati sulla piattaforma Cloud. Le principali funzioni di questo step sono:

  • L’analisi dei dati mediante tecniche di machine learning, grazie ai quali il sistema può essere interrogato di volta in volta su dati specifici. 
  • Il trasferimento dei dati offline che non hanno quindi bisogno di ulteriori elaborazioni. In questo caso la piattaforma in Cloud svolge il ruolo di archivio dei diversi dati provenienti dai macchinari. 

Infine i Data Post-Processing consiste nell’analisi delle informazioni raccolte. Di seguito le 4 finalità principal: 

  • Reportistica:  gli output del condition-monitoring vengono suddivisi in differenti report sullo stato dei componenti del sottosistema. Questo avviene per semplificare la consultazione di diverse tipologie di dati dalle varie parti coinvolte (tecnici dell'assistenza, manager, consulenti e fornitori di servizi esterni, ecc.).
  • Supporto decisionale: i report devono poi essere processati da un performance management center, un servizio di supporto strutturato che aggiorna e analizza lo storico dei dati raccolti per fornire una risposta critica all’operato.
  • Analisi Model-based: una volta ricevuto un allarme dalla piattaforma Cloud, è possibile utilizzare strumenti di elaborazione del segnale più avanzati per valutare maggiori dettagli sul guasto.
  • Service: nel caso in cui vengano identificati problemi, un report della situazione può essere inviato automaticamente ai tecnici dell’assistenza. 

I sistemi basati sul condition-monitoring aumentano produttività e affidabilità. Un servizio attento, in cui il cliente può ottenere pianificazioni ben precise e una costante attività, grazie alla riduzione delle interruzioni impreviste, migliorano anche il rapporto con il cliente.

Nel prossimo articolo parleremo degli algoritmi nel condition monitoring

Ultime news

28/03/2023
Parte l’Academy targata Moko, Xenialab e IFOA: un progetto innovativo per attrarre talenti

Dalla collaborazione tra Moko, Xenialab e IFOA nasce l’Academy Aziendale, un percorso volto a formare un gruppo di futuri Full Stack Developers garantendone l’inserimento nel mondo del lavoro sin dall’iscrizione. Gli sviluppatori Full Stack sono figure professionali sempre più richieste dalle aziende, capaci di lavorare su entrambe le componenti frontend e backend e dunque in grado di gestire l'intero ciclo di sviluppo di un software. L’Academy è un progetto finanziato dalla regione Emilia-Romagna, pertanto la partecipazione è totalmente gratuita.Tra le altre attività, Moko ha il ruolo di garantire alle aziende supporto operativo nella creazione di business units e affiancamento nel processo di start-up team. La sfida che Moko si prefigge con il progetto Academy è di generare valore sul territorio formando nuovi talenti nell’ambito dell’innovazione digitale, favorendone l’ingresso nel mondo del lavoro.

Il corsoL’Academy è rivolta a dieci giovani under 25 e prevede un corso di formazione e training per una durata totale di 800 ore (6 mesi): la prima parte del corso di 400 ore (40 ore a settimana) si svolgerà presso le aule dell’Istituto di formazione IFOA dove i ragazzi selezionati, guidati da un tutor dedicato, acquisiranno le competenze necessarie per progettare, sviluppare e testare le funzionalità su nuovi prodotti, API REST e gli strumenti di front-end e back-end. Saranno fornite loro le conoscenze per gestire i database SQL e NoSQL, mentre verranno introdotti i linguaggi di programmazione basati su JavaScript come Node.js, Angular, MongoDB e Express.Inoltre, i partecipanti esploreranno nel dettaglio tecnologie come Asterisk, Kotlin e Swift. Grande importanza verrà data anche al lavoro svolto a contatto con gli altri membri del team, necessario per garantire lo sviluppo di un codice pulito e testabile.I ragazzi trascorreranno poi le successive 400 ore presso il Parco Innovazione di Reggio Emilia, sede delle storiche Officine Meccaniche Reggiane, dove avranno modo di mettere in pratica tutte le nozioni apprese durante la formazione in aula, facendo training on the job su importanti progetti già approvati dai clienti.Al completamento del corso e al superamento dell’esame finale, agli studenti verrà rilasciato il certificato di specializzazione IFTS in “Tecniche per la progettazione e lo sviluppo di applicazioni informatiche”.  Dalla formazione al lavoro in aziendaL’Academy targata Moko con Xenialab e IFOA non si limita ad un percorso di formazione specializzata e al riconoscimento di un certificato, ma prevede anche l’inserimento diretto in azienda. L’assunzione sarà regolata da un iniziale contratto di Apprendistato di I livello della durata di un anno che ha però l’obiettivo di trasformarsi in una collaborazione di lunga durata.Le realtà lavorative in cui i giovani sviluppatori verranno inseriti sono proprio Moko e Xenialab, e sarà in queste due sedi che, affiancati da due Full Stack Developers Senior assunti a loro volta da Moko, i ragazzi avranno occasione di lavorare in prima persona su importanti progetti diventando a tutti gli effetti parte dei team delle rispettive aziende. Requisiti e modalità d'iscrizioneGli interessati possono già effettuare l’iscrizione all’Academy collegandosi alla pagina dedicata sul sito IFOA. In particolare, l’Academy si rivolge a dieci persone di età non superiore ai 25 anni con residenza e/o domicilio in Emilia-Romagna. Inoltre, i candidati devono essere in possesso di un diploma di scuola superiore. Le iscrizioni sono aperte fino al 28 aprile, mentre l'inizio del corso è fissato per il 5 giugno 2023.Gli interessati sono invitati a partecipare all’Open Day che avrà luogo il 12 aprile presso il Parco Innovazione: in questa occasione verranno presentate nel dettaglio sia l’iniziativa che le aziende coinvolte, e ci sarà lo spazio per rispondere ad eventuali domande o curiosità sul progetto Academy.

27/03/2023
Ordini web tramite agenti

Gli ordini web rappresentano un modo efficiente e comodo per fare acquisti online, sia per i consumatori che per le aziende. In particolare, gli agenti possono svolgere un ruolo importante nel facilitare gli ordini web e nel fornire assistenza ai clienti durante il processo di acquisto online. In questo articolo, esploreremo come gli agenti possono essere utilizzati per migliorare la gestione degli ordini web e come questo può beneficiare il tuo business online.Cos'è un agente di ordini web?Un agente di ordini web è una persona o un team che lavora a stretto contatto con i clienti per aiutarli nel processo di acquisto online. Questi agenti possono fornire assistenza nella selezione dei prodotti, nell'inserimento delle informazioni di pagamento e spedizione, e nella risoluzione di eventuali problemi che possano sorgere durante il processo di acquisto. L'utilizzo di agenti di ordini web può essere particolarmente utile per le aziende che hanno una vasta gamma di prodotti e servizi, o per quelle che lavorano in settori particolarmente complessi. In questi casi, gli agenti possono aiutare a semplificare il processo di acquisto e a garantire che i clienti abbiano una buona esperienza di acquisto online.Come gli agenti possono migliorare la gestione degli ordini web?Gli agenti possono offrire molti vantaggi nella gestione degli ordini web. In primo luogo, possono aiutare a ridurre il tasso di abbandono del carrello, ovvero la percentuale di clienti che lasciano il sito web senza completare l'acquisto. Gli agenti possono identificare le possibili cause dell'abbandono del carrello e fornire assistenza per risolvere eventuali problemi. In secondo luogo, gli agenti possono aiutare a migliorare il tasso di conversione, ovvero la percentuale di clienti che effettuano un acquisto dopo aver visitato il sito web. Gli agenti possono fornire informazioni sui prodotti e servizi, rispondere alle domande dei clienti e aiutare a gestire le loro aspettative. Infine, gli agenti possono aiutare a garantire che i clienti siano soddisfatti del loro acquisto. Possono fornire assistenza post-vendita, aiutare a risolvere eventuali problemi e gestire le richieste di reso o rimborso.Come puoi utilizzare gli agenti di ordini web per migliorare il tuo business online?In secondo luogo, è importante fornire agli agenti gli strumenti giusti per gestire gli ordini web. Ciò può includere software web di gestione degli ordini, sistemi di ticketing o chatbot che possono aiutare a automatizzare alcune parti del processo di assistenza al cliente. Infine, è importante monitorare le prestazioni degli agenti e analizzare i dati sui clienti per identificare eventuali aree su cui intervenire.Come gli agenti possono migliorare l'esperienza di acquisto online?Gli agenti di ordini web possono offrire molti vantaggi ai clienti, tra cui:Assistenza in tempo reale: gli agenti di ordini web possono fornire assistenza immediata ai clienti che hanno bisogno di aiuto durante il processo di acquisto. Ciò può aumentare la fiducia del cliente nel tuo sito web o nella tua applicazione, poiché sanno che possono contare su un supporto immediato.Personalizzazione: gli agenti di ordini web possono fornire un servizio personalizzato ai clienti, aiutandoli a trovare i prodotti giusti e a soddisfare le loro esigenze specifiche. Ciò può aumentare la fedeltà del cliente e le possibilità di un acquisto ripetuto.Riduzione dell'abbandono del carrello: gli agenti di ordini web possono aiutare a ridurre il tasso di abbandono del carrello, ovvero la percentuale di clienti che lasciano il sito web senza completare l'acquisto. Gli agenti possono identificare le possibili cause dell'abbandono del carrello e fornire assistenza per risolvere eventuali problemi.Miglioramento del tasso di conversione: gli agenti di ordini web possono aiutare a migliorare il tasso di conversione, ovvero la percentuale di clienti che effettuano un acquisto dopo aver visitato il sito web. Gli agenti possono fornire informazioni sui prodotti e servizi, rispondere alle domande dei clienti e aiutare a gestire le loro aspettative.Assistenza post-vendita: gli agenti di ordini web possono fornire assistenza post-vendita ai clienti, aiutandoli a risolvere eventuali problemi e gestendo le richieste

23/03/2023
Ota updates

L'aggiornamento OTA (Over-the-Air Updates) è un processo di aggiornamento del software che viene eseguito tramite una connessione wireless, senza la necessità di collegare il dispositivo a un computer. Questo tipo di aggiornamento è diventato molto popolare negli ultimi anni, poiché consente agli utenti di ottenere le ultime funzionalità e correzioni di sicurezza senza dover eseguire manualmente il download e l'installazione del software.Per eseguire un OTA update, è necessario disporre di una connessione Internet stabile e sufficiente spazio di archiviazione sul dispositivo. Una volta che l'aggiornamento è disponibile, verrà notificato all'utente tramite una notifica push. L'utente può quindi scegliere di scaricare e installare l'aggiornamento immediatamente o posticiparlo per un momento più opportuno.È importante notare che gli aggiornamenti OTA possono richiedere del tempo per essere scaricati e installati, in base alla dimensione dell'aggiornamento e alla velocità della connessione Internet. Inoltre, è sempre consigliabile effettuare un backup dei dati importanti prima di eseguire qualsiasi tipo di aggiornamento del software.
Ota deviceUn OTA (Over-the-Air) update è un aggiornamento software che viene effettuato direttamente sul dispositivo senza la necessità di un collegamento via cavo. Questo tipo di aggiornamento è diventato sempre più comune negli ultimi anni grazie alla diffusione di smartphone e tablet.Gli aggiornamenti OTA sono utilizzati per correggere problemi di sicurezza, migliorare le prestazioni del dispositivo e introdurre nuove funzionalità. Quando un nuovo aggiornamento è disponibile, il dispositivo notifica l'utente e offre la possibilità di scaricarlo e installarlo automaticamente.Per eseguire l'aggiornamento OTA, il dispositivo deve essere connesso a una rete Wi-Fi per evitare costi aggiuntivi per l'utilizzo dei dati mobili. Inoltre, è importante avere una batteria completamente carica o collegare il dispositivo alla corrente durante l'aggiornamento per evitare interruzioni.In sintesi, gli aggiornamenti OTA sono una comoda soluzione per mantenere il proprio dispositivo sempre al passo con le ultime novità del software, senza dover ricorrere a soluzioni complesse o costose.
A cosa serve l'aggiornamento OTA?L'aggiornamento OTA (Over-The-Air) è un processo mediante il quale gli utenti possono aggiornare il firmware dei loro dispositivi mobili senza dover collegare il dispositivo al computer. Questo tipo di aggiornamento è particolarmente utile per gli utenti che non hanno competenze tecniche avanzate e per coloro che vogliono risparmiare tempo.Uno dei principali vantaggi dell'aggiornamento OTA è che consente agli utenti di accedere alle ultime funzionalità e correzioni di bug senza dover acquistare un nuovo dispositivo. Inoltre, l'aggiornamento OTA può migliorare la sicurezza del dispositivo, proteggendo gli utenti da vulnerabilità note.L'aggiornamento OTA può essere eseguito sia tramite connessione Wi-Fi che cellulare, a seconda delle preferenze dell'utente e delle impostazioni del dispositivo. Tuttavia, è importante notare che l'aggiornamento OTA può richiedere molto tempo e una connessione Internet stabile.In conclusione, l'aggiornamento OTA è un processo importante per mantenere i dispositivi mobili aggiornati e sicuri. Gli utenti dovrebbero considerarlo periodicamente per trarre il massimo vantaggio dal loro dispositivo.
Aggiornamento firmware o softwareUn'OTA (Over-the-Air) update è un aggiornamento del firmware o del software che viene distribuito via internet e installato direttamente sul dispositivo senza bisogno di collegarlo al computer. Questo sistema è molto comune sui dispositivi mobili, come smartphone e tablet, ma è utilizzato anche su altri dispositivi come smart TV, router e dispositivi IoT (Internet of Things).L'aggiornamento OTA può includere correzioni di bug, nuove funzioni o miglioramenti delle prestazioni. È importante tenere sempre il proprio dispositivo aggiornato per garantire la sicurezza e la stabilità del sistema.Per effettuare un aggiornamento OTA, basta controllare le impostazioni del dispositivo e cercare l'opzione "Aggiornamento software" o "Aggiornamento firmware". Se è disponibile una nuova versione, si potrà scaricare e installare direttamente dal dispositivo.È importante notare che, durante l'aggiornamento OTA, il dispositivo potrebbe essere temporaneamente inutilizzabile e richiedere alcuni minuti per completare il processo di installazione. Inoltre, è consigliabile effettuare un backup dei dati importanti prima di procedere con l'aggiornamento.
Cosa si intende per ota update center?L'OTA update, acronimo di Over-The-Air update, è un metodo di aggiornamento del software dei dispositivi mobili in modo wireless. In particolare, l'OTA update center è il centro di aggiornamento dove vengono gestiti e distribuiti questi aggiornamenti.In pratica, l'OTA update center riceve dal produttore del dispositivo le ultime versioni del software da distribuire ai propri utenti. Una volta ricevuta la notifica di aggiornamento sul proprio dispositivo, l'utente può scegliere di installarlo immediatamente o posticiparlo a un altro momento.Grazie all'OTA update center, gli utenti possono godere delle ultime funzionalità e miglioramenti del sistema operativo senza dover effettuare manualmente il download e l'installazione attraverso un computer.È importante sottolineare che l'OTA update center garantisce anche la sicurezza dei dispositivi mobili, poiché gli aggiornamenti includono spesso patch per risolvere vulnerabilità e bug critici.In sintesi, l'OTA update center è una comoda soluzione per mantenere i propri dispositivi mobili sempre aggiornati e sicuri.
Ota Android ed iOSUn OTA update (Over The Air) è un aggiornamento del sistema operativo che può essere scaricato e installato direttamente su uno smartphone o un tablet, senza dover connettere il dispositivo a un computer. Questa funzionalità è disponibile sia per i dispositivi Android che per quelli iOS.Gli aggiornamenti OTA sono importanti perché includono correzioni di bug, miglioramenti delle prestazioni e nuove funzionalità. Di solito, gli utenti ricevono una notifica quando è disponibile un nuovo aggiornamento. Tuttavia, è possibile verificare manualmente se ci sono nuovi aggiornamenti andando nelle impostazioni del dispositivo e cercando la sezione "Aggiornamenti software".Quando si scarica un nuovo aggiornamento OTA, è importante assicurarsi di avere abbastanza spazio di archiviazione libero sul dispositivo e di avere una connessione internet stabile. Inoltre, è sempre consigliabile fare un backup dei propri dati prima di effettuare l'aggiornamento.In generale, gli aggiornamenti OTA sono facili da installare e possono migliorare significativamente l'esperienza dell'utilizzo del dispositivo. Tuttavia, se si verificano problemi durante l'installazione o dopo l'aggiornamento, è possibile contattare il supporto tecnico del produttore del dispositivo per ricevere assistenza.